Una VW del 1967 VW Tipo 3 con 300 CV

Young- & Oldtimer
Aprile 25, 2019 3 min di lettura

Volkswagen classica con la più avanzata tecnologia di Porsche e BILSTEIN

Un lunedì mattina di aprile. Lembi di nebbia ricoprono l’ex campo di aviazione di Mendig. Tipico maltempo della regione di Eifel. Hangar 7 è un luogo frenetico. Le troupe televisive installano le loro apparecchiature, una società di catering consegna i suoi vassoi e caffè caldo, un drone si solleva in aria all’esterno. In mezzo al trambusto un uomo sulla quarantina rimane calmo. Tutta la sua concentrazione è rivolta a una splendida VW Tipo 3 d’epoca. L’uomo si chiama Christian Wilms ed è l’amministratore della ditta “Das Triebwerk”. La società di Schwelm, a due passi da Ennepetal, si è specializzata nel restauro di vecchi modelli VW e Porsche.

Una richiesta da parte di “auto mobil”, la rivista di automobili VOX TV, ha capovolto completamente la vita professionale del tecnico automobilistico certificato. L’idea era quella di mettere sulle ruote una VW Tipo 3 come nessun’altra. Alcuni mesi fa, insieme al moderatore Alexander Bloch, Wilms si è procurato un discreto esemplare, costruito nel 1967, e ha iniziato il lavoro con il suo team. Il piano era chiaro: restaurare, integrare un motore con un’adeguata potenza e naturalmente montare una sospensione efficiente.

Dopo mesi di lavoro, Christian Wilms e i suoi ragazzi sono effettivamente riusciti a costruire una macchina senza precedenti. Iniziando dal motore boxer da 300 CV a sei cilindri ricavato da una Porsche 964. “Le sfide erano molte,” ricorda Christian. “Tutte le modifiche attraversano la vecchia auto come un filo rosso. Molte parti le abbiamo costruite noi. Ho trascorso così tante ore davanti al PC progettando le parti che nessuno può immaginare,” sorride Christian.

Anche sul telaio non è rimasto un solo pezzo invariato: “Abbiamo modificato completamente l’assale posteriore” afferma Christian. “Normalmente le macchine hanno un assale oscillante. Abbiamo trasformato l’assale in un braccio obliquo semi-montato, ma abbiamo mantenuto la forcella del telaio perché avevamo bisogno di un elevato grado di stabilità per montare il pesante motore nella parte posteriore.” Per quanto riguarda gli ammortizzatori Christian non fece esperimenti. Sotto la lamiera trovò il suo posto una sospensione BILSTEIN appositamente fabbricata sulla base della tecnologia MDS, per portare su strada la potenza del motore Porsche da 3,6 litri.

Il motivo per cui Christian e il suo team hanno scelto la BILSTEIN è semplice: “Devo essere sincero, ho installato una sospensione BILSTEIN nella maggior parte delle auto che ho costruito nel corso della mia carriera. Quando ho acquistato la mia Tipo 3 personale circa 20 anni fa, questa macchina era equipaggiata con ammortizzatori della concorrenza. Ho guidato la macchina per un anno senza sapere quanto fosse scadente la sospensione. Poi ho installato ammortizzatori BILSTEIN B6 e da allora non ho più montato nient’altro. Sono insuperabili. In questo progetto avevo subito chiaro in mente che volevo farlo insieme alla BILSTEIN.”

Oggi, dopo più di 1000 ore di lavoro, è arrivato il grande giorno per Christian e la sua società: niente di meno che il due volte campione del mondo di rally e ambasciatore del marchio BILSTEIN Walter Röhrl è venuto nella regione di Eifel per testare la macchina.

Christian e il moderatore di VOX Alex Bloch mostrano a Walter Röhrl la VW Tipo 3 modificata. Sembra apprezzare molto l’icona automobilistica. Tira subito fuori il suo smartphone e scatta alcune foto. Sì, al nativo di Regensburg piace la VW da 300 CV. “Christian, c’è solo una cosa che mi disturba: la macchina non ha la griglia del radiatore e somiglia leggermente a un’auto elettrica”. A quel punto anche a Christian viene da ridere, evidentemente sollevato dal fatto che il grande Walter Röhrl apprezza la macchina.

I nostri contributi più recenti

Le competenze tecniche in materia di ammortizzatori della BILSTEIN da subito anche nel portale REPXPERT

Leggi contributo
Rimuovere i fastidiosi rumori dalla sospensione

Leggi contributo